Network

Il CUS incontra i Pionieri di StAbbià: Castellammare di Stabia al centro della tavola rotonda.

Un momento di incontro importante tra il team dell’ufficio CUS e il gruppo di Pionieri di StAbbià, per poter coinvolgere questi ultimi in maniera più incisiva nelle attività e nei progetti che il CUS sta mettendo in campo per avviare il processo di transizione ecologica.
“Pionieri”, che proprio come da definizione, indicano un gruppo di scopritori e promotori di nuove possibilità, collegate alla scoperta e allo sfruttamento di terre sconosciute o quasi.
In questo caso, quelle della transizione ecologica.
Le due giornate di lavoro si sono strutturate in due momenti, il primo in cui abbiamo ripercorso i momenti storici in cui si è manifestata l’esigenza di dare centralità alla questione climatica: a partire dal protocollo di Kyoto del 1997, in cui si chiedeva alle città di ridurre volontariamente le emissioni del 6%, per finire con il “Fit for 55”, il pacchetto climatico dell’Unione Europea del 2021 che ha l’obiettivo di raggiungere una completa neutralità nel 2050.
Da qui è emersa una fondamentale consapevolezza: sono le città a dover essere le protagoniste di questa azione di transizione.
Proprio per questo motivo, il secondo momento di lavoro ha visto il coinvolgimento del Dott. Raffaele Cannizzaro, Commissario Prefettizio del Comune di Castellammare di Stabia, il quale ha raccontato lo scenario attuale in cui si trova la città di Castellammare: le problematiche, le esigenze, le aspettative dei cittadini, così da poter trovare un punto di incontro con i Pionieri e le loro aree di intervento.
Vicky, Fabiana, Claudio, Antonella, Emy, Mary, questi i nomi dei ragazzi che hanno partecipato presentando gli ambiti su cui concentreranno le loro analisi.
Spazio pubblico, mobilità, acqua, verde, spazi commerciali, Intergenerazionalità e due temi di osservazione trasversale, rifiuti ed energia: questi i temi proposti.
Due giornate interessanti e costruttive, che hanno visto abbinarsi momenti di intenso lavoro a momenti di svago, seppur significativo, corrispondendo alla conoscenza e alla vita del territorio oggetto d’analisi: la splendida Castellammare.
Tags: Network
Articolo precedente
“Stabbià”: nuovi percorsi di sostenibilità a Castellammare di Stabia
Articolo successivo
Diventa un professionista del futuro della mobilità urbana!

Altre news

Menu
Skip to content