Il nostro futuro

Energia, MiTE promuove la sostenibilità energetica negli edifici delle Amministrazioni comunali.

Gli edifici di Pubblica Amministrazione sono fondamentali per la crescita del nostro paese, come nel caso della città di Castellammare.
L’ufficio CUS, pienamente consapevole degli sforzi e delle molteplici iniziative promosse, siamo felici di supportarla.

Tra le significative iniziative da evidenziare, c’è la seguente: MiTE.
Il 3 ottobre del 2022 a Roma, il Ministero della Transizione Ecologica ha disposto un fondo per finanziare la transizione energetica negli edifici pubblici, approvata dal Direttore Generale della Direzione Incentivi Energia.
Tutto ciò ovviamente induce i cittadini a carpire con maggiore attenzione quanto sia importante la transizione verde combinata all’azione comunale per contrastare gli incari energetici. Molte volte questo concetto non è assimilato per molteplici motivazioni, molto spesso anche solo per la paura di cambiare.

Ma perchè ne abbiamo così timore?

La risposta si può trovare in una serie di interviste e di scambi culturali. Infatti, si parla raramente del bisogno, dell’azione o delle migliorie che favoriscono una qualità di vita maggiore, si sottolineano invece le rinunce.
Bisogna agire in maniera preponderante quindi per trasmettere che la sostenibilità non è altro che un’azione che ci permette di vivere senza rinunce, soddisfacendo i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i propri.

Infatti, il finanziamento presentato nasce con l’obiettivo di cambiare prospettive future catastrofiche, elargendo una quota pari al 50% per gli interventi energetici e per i produttori di energia da fonti rinnovabili per edifici situati nelle Regioni del Mezzogiorno.

Una strada per garantirci e garantire a chi verrà dopo di noi un posto dove riunirsi e respirare aria pulita.

Non è Utopia. E’ semplicemente speranza.

Qui le fonti.   

Tags: Il nostro futuro
Articolo precedente
Innovation Village 2022: di che si tratta?
Articolo successivo
L’anima di Castellammare è nel progetto Stabiae Street

Altre news

Menu
Skip to content