La transizione ecologica

L’obiettivo Europeo è molto chiaro:

ridurre le emissioni nette di CO2 di almeno il 55 % entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990 e diventare il primo continente climaticamente neutro entro il 2050.

Per raggiungerlo è necessario attuare una “transizione ecologica”, ovvero innescare un cambiamento profondo e rapido delle politiche ambientali, urbanistiche e dei servizi urbani, di sviluppo economico ma anche degli stili di vita e delle abitudini dei cittadini, prestando attenzione al livello di sfruttamento delle risorse e degli ecosistemi naturali e alla salvaguardia della biodiversità.

Le città, pur ricoprendo solo il 3% del territorio terrestre, producono oltre il 70% delle emissioni di gas a effetto serra. In Europa si stima che entro il 2050 quasi l’85% della popolazione vivrà in aree urbane, ecco perché l’attuale emergenza climatica deve essere affrontata in primo luogo nelle città e nelle aree ad alta densità urbana e da coloro che le abitano.

Il Comune di Castellammare di Stabia, nella consapevolezza del ruolo delle aree urbane nella lotta ai cambiamenti climatici ha aderito al Patto dei Sindaci e nel 2015 ha approvato il PAES – piano di azione per l’energia sostenibile, che dovrà essere aggiornato nella predisposizione del PAESC – piano di azione per l’energia sostenibile e il clima.

Menu
Skip to content